Una cascata che scorre in un bosco deserto fa rumore? - Pensarediverso. Fisica e metafisica quantistica.

Aggregatore
Aggregatore
Aggregatore
Aggregatore
Vai ai contenuti
Una cascata che scorre in un bosco deserto fa rumore?



Solitamente diamo per scontato che le cose funzionino in un certo modo, dunque una cascata che scorre dovrebbe fare SEMPRE rumore. Però…riflettendoci: che cosa è il rumore? È uno stimolo che sollecita il nostro orecchio e viene trasmesso al cervello: solo nel cervello diventa rumore.
1 No, non sempre la cascata fa rumore
Purtroppo, viviamo tra apparenza e illusione perché siamo condizionati dai nostri sensi. Quella che chiamiamo “la realtà” non è sempre tale.
In effetti, la cascata fa rumore solo se c’è qualcuno, lì, a sentirla. Dunque, se il bosco è deserto la cascata non fa rumore.
Che cosa è infatti il rumore? È uno stimolo che sollecita il nostro orecchio e viene trasmesso al cervello: solo nel cervello diventa rumore.
Dunque, seppure la cascata cadendo provoca delle vibrazioni nell’aria, queste non sono affatto rumore. Lo diventano solo se c’è un orecchio che le capta e le trasmette a un cervello: qui, finalmente, diventano rumore.

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
UNIVERSO QUANTISTICO E SINCRONICITA'
Edizioni PensareDiverso  2020
ISBN 9788832273137. Pagine   330. Formato 17x24.
Universo quantistico e sincronicità. La visione antropica. Le coincidenze significative. L’inconscio collettivo. Il ruolo delle pandemie nel cammino evolutivo umano..

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
L’UNIVERSO è INTELLIGENTE. L’ANIMA ESISTE
Edizioni PensareDiverso  2019
ISBN 9788894299106. Pagine   228. Formato 17x24.  Illustrato
Misteri quantistici, multiverso, entanglement, sincronicità. Oltre la materia, per una visione spirituale del cosmo.
2 Noi non sappiamo come sia fatta veramente “la realtà”.
Platone ci descrive come prigionieri incatenati nella caverna dei nostri sensi.
Ciò che noi percepiamo come realtà non è la realtà, ma l’interpretazione che i nostri sensi ci danno di quanto ci circonda.
Nel notissimo “mito della caverna” Platone descrive dei prigionieri incatenati in una caverna, costretti a guardare sempre verso la parete di fondo; su questa parete si proiettano le loro ombre, a causa della illuminazione posta alle loro spalle. Così pure sulla parete di fondo si proiettano le ombre di tutte le attività che avvengono all’esterno, e che i prigionieri non possono comprendere nella loro dimensione reale, in quanto, per loro, la realtà sono “ciò che vedono”, cioè le ombre.
Anche noi riteniamo abitualmente che la realtà sia ciò che possiamo “vedere” e “toccare”, senza sospettare che la nostra vista e il nostro tatto MANIPOLANO E FALSANO ciò che abbiamo davanti, cioè trasformano una realtà che non conosciamo assolutamente per renderla fruibile al nostro cervello.
Solo uscendo dalla caverna si scoprirebbe la vera luce. Purtroppo, tutti noi siamo prigionieri nella caverna dei nostri sensi (le catene) e vediamo la realtà come ombra della realtà vera.
Secondo Platone, solo il saggio o il filosofo possono liberarsi per rifiutare la falsità delle ombre e offrirsi alla vera luce.
3 Quanto vuoto c’è nella materia?

Normalmente tutti noi riteniamo che non esiste niente di più reale della materia, dal momento che possiamo guardarla, toccarla, pesarla, talvolta gustarla se la mangiamo oppure udirla se la scuotiamo.
In realtà la materia è fatta di atomi, e gli atomi sono fatti essenzialmente di vuoto. Un atomo è composto dal nucleo e dagli elettroni che gli ruotano attorno. Bene, se ingrandissimo infinite volte il nucleo fino a portarlo alle dimensioni di una lenticchia, allora l’elettrone più esterno ruoterebbe alla distanza di un campo di calcio, cioè con un raggio di 45 metri!. In mezzo…niente.
Dunque, gli atomi sono fatti quasi totalmente di vuoto. Ma allora, si dirà, perché se tocchiamo un oggetto lo sentiamo “duro”?
Anche questo è un inganno dei sensi: gli elettroni ruotando velocissimamente generano un “effetto elica”. Sappiamo benissimo che quando un’elica gira non possiamo avvicinare la mano perché, pur essendo composta da due sole pale che coprono al massimo il 5% dell’area interessata alla rotazione, per la velocità della rotazione stessa tutta l’area viene in effetti coperta. Ciò detto, anche questa è una spiegazione comprensibile ma semplicistica.

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
TUTTI I COLORI DELL'ENTANGLEMENT
Edizioni PensareDiverso  2018
ISBN 9788894299175. Pagine   350. Formato 17x24.  Illustrato
La prima parte (Le intuizioni) tratta la realtà illusoria e l’esistenza di un livello di coscienza trascendente la materia. La seconda (Le conferme) descrive il cammino della fisica quantistica dall’esperimento della doppia fenditura di Thomas Young, alla conferma dell’Entanglement. La terza (Le prospettive) descrive le teorie di David Bohm sul potenziale quantico e sull’universo olografico..

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
ENTANGLEMENT E SINCRONICITA'
Edizioni PensareDiverso  2017
ISBN 9788894299106. Pagine   204x. Formato 17x24.  Illustrato
“Turbato da un presentimento, rinuncia a partire e si salva la vita”. Quante volte abbiamo letto una notizia come questa dopo un disastro aereo? Altri presentimenti, spesso più comuni, sono legati alla vita quotidiana di ciascuno di noi. Così pure episodi di telepatia o altre sensazioni dell’anima costellano l’esistenza degli uomini....DI PIU'
4 Ma la materia esiste davvero?

In effetti, la materia non è quel che immaginiamo: se dividessimo una pietra in pezzi sempre più piccoli, arriveremmo ad avere i singoli atomi; ma cercando di dividere ancora, ci accorgeremmo che gli atomi sono fatti di particelle le particelle… possono essere materia, oppure no. Come insegna la fisica quantistica, le particelle sono massa e contemporaneamente sono onde, cioè vibrazioni di energia, increspature del nulla portatrici non più di massa ma di energia e informazione.

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
Edizioni PensareDiverso  2020
ISBN 9788832273021. Pagine   88  Formato 12X16,5.
Entanglement quantistico e inconscio collettivo. Fisica e metafisica dell'universo. Nuove interpretazioni...


Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
Edizioni PensareDiverso  2017
ISBN 9788894299127. Pagine   100  Formato 12X16,5.
Fin dai primi sviluppi del pensiero l’umanità ha ritenuto che le coincidenze significative fossero segni con i quali un livello superiore, filosofico o divino, cercava di interloquire con gli uomini. Negli ultimi tre secoli i ...


Iscriviti alle nostre news
L'iscrizione è gratuita. Sarai sempre aggiornato sulla pubblicazione dei nostri articoli, e su molte altre novità. Riceverai al massimo una email al mese. Potrai cancellarti quando vorrai.
Iscriviti alle nostre news



VISITA LA NOSTRA
PAGINA FACEBOOK
"Cenacolo Jung Pauli"
oppure
METTI "MI PIACE"
(vedi a sinistra).
Grazie per il tuo
contributo.
E' un grande
incoraggiamento
a continuare
nel nostro lavoro.
Bruno del Medico Editore
Torna ai contenuti