Io speriamo che me la cavo. Un esperimento comunicato male - Pensarediverso. Fisica e metafisica quantistica.

Aggregatore
Aggregatore
Aggregatore
Aggregatore
Vai ai contenuti
Io speriamo che me la cavo. Un esperimento comunicato male


Divagando tra scienza e pubbliche relazioni. (Ridiamoci su)
1 Il Paradosso del gatto di Schrodinger
Facciamo riferimento all’esperimento noto come Paradosso di Schrodinger, che lo stesso ideatore descrive così:
«Si possono anche costruire casi del tutto burleschi. Si rinchiuda un gatto in una scatola d'acciaio insieme alla seguente macchina infernale (che occorre proteggere dalla possibilità d'essere afferrata direttamente dal gatto): in un contatore Geiger si trova una minuscola porzione di sostanza radioattiva, così poca che nel corso di un'ora forse uno dei suoi atomi si disintegrerà, ma anche, in modo parimenti probabile, nessuno; se l'evento si verifica il contatore lo segnala e aziona un relais di un martelletto che rompe una fiala con del cianuro. Dopo avere lasciato indisturbato questo intero sistema per un'ora, si direbbe che il gatto è ancora vivo se nel frattempo nessun atomo si fosse disintegrato, mentre la prima disintegrazione atomica lo avrebbe avvelenato. La funzione dell'intero sistema porta ad affermare che in essa il gatto vivo e il gatto morto non sono degli stati puri, ma miscelati con uguale peso.»
L’esperimento proposto nasce nel contesto della discussione del paradosso di Einstein-Podolsky-Rosen (EPR), pubblicato nel 1935. che criticava una caratteristica fondamentale dei sistemi quantistici nota come entanglement quantistico.

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
UNIVERSO QUANTISTICO E SINCRONICITA'
Edizioni PensareDiverso  2020
ISBN 9788832273137. Pagine   330. Formato 17x24.
Universo quantistico e sincronicità. La visione antropica. Le coincidenze significative. L’inconscio collettivo. Il ruolo delle pandemie nel cammino evolutivo umano..

Cenacolo Jung-Pauli ti consiglia
L’UNIVERSO è INTELLIGENTE. L’ANIMA ESISTE
Edizioni PensareDiverso  2019
ISBN 9788894299106. Pagine   228. Formato 17x24.  Illustrato
Misteri quantistici, multiverso, entanglement, sincronicità. Oltre la materia, per una visione spirituale del cosmo.
2  Perche’ proprio un gatto?
Non si capisce perché Schrodinger (il cui nome, di per sé stesso, è troppo complicato per generare simpatia) abbia voluto ulteriormente infierire sulla propria immagine mettendo nella scatola infernale proprio un gatto, creatura che almeno il 50% dell’umanità ama, fin dai tempi dell’antico Egitto.
Se Schrodinger avesse potuto usufruire della collaborazione di un consulente di pubbliche relazioni, certamente costui gli avrebbe suggerito di mettere nella scatola un topo o, meglio ancora, una blatta, il che avrebbe potuto evitargli anche le critiche dei più accesi animalisti, anzi, gli avrebbe attirato la simpatia delle masse.
Aziende produttrici di insetticidi lo avrebbero citato nelle loro pubblicità sotto lo slogan “Con lui è più facile” e la fama del suo esperimento sarebbe certamente uscita dalla ristretta cerchia degli addetti ai lavori. Perfino la casalinga di Voghera avrebbe commentato con le amiche: “Schrodinger? Grazie a lui non ha più uno scarafaggio in casa!”

Iscriviti alle nostre news
L'iscrizione è gratuita. Sarai sempre aggiornato sulla pubblicazione dei nostri articoli, e su molte altre novità. Riceverai al massimo una email al mese. Potrai cancellarti quando vorrai.
Iscriviti alle nostre news



VISITA LA NOSTRA
PAGINA FACEBOOK
"Cenacolo Jung Pauli"
oppure
METTI "MI PIACE"
(vedi a sinistra).
Grazie per il tuo
contributo.
E' un grande
incoraggiamento
a continuare
nel nostro lavoro.
Bruno del Medico Editore
Torna ai contenuti